Raffaella Tessari
436x436_interno_prova

Raffaella Tessari

CFO

Donna, mamma, compagna, manager: una combattente. Tra vita privata e professionale scorre passione, tenacia, determinazione.

Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Raffaella, la nostra CFO, sui temi caldi come gender gap, organizzazione vita lavoro, disparità tra i sessi. 

È nata così una conversazione sincera, vera dove Raffaella ci ha raccontato la sua visione, i suoi pensieri e le sue idee per superare stereotipi e meccanismi che ancora oggi risultano difficili da scardinare non solo nel mondo del lavoro ma anche nella vita quotidiana. Alla base di tutti i pensieri c’è la consapevolezza che per cambiare davvero tutti devono dare il proprio contributo sia uomini sia donne. Il cambiamento si può attuare solo con il contributo e la consapevolezza di tutti.

Com’è essere donna oggi nel mondo del lavoro?
Non dovrebbe essere diverso da com’è essere uomo.

Per quella che è la mia esperienza la crescita professionale di un uomo avviene in modo molto più veloce di quella di una donna all’interno di un’azienda. Purtroppo spesso essere donna comporta in parte l’essere “tagliata fuori”. Tante donne dopo una maternità si trovano a dover ricominciare da capo.

Un’azienda ha il dovere e il compito di venire incontro alle donne. Però dev’essere un percorso a due, un percorso condiviso di aiuto e sostegno reciproco. Da una parte l’azienda deve consentire alla donna la giusta flessibilità per poter conciliare gli impegni lavorativi e quelli familiari. Dall’altro anche la donna non deve auto-limitarsi o spostare totalmente il baricentro verso la famiglia. E’ importante che i figli crescano con l’esempio di una mamma che ha anche una propria realizzazione lavorativa e questo è fondamentale se vogliamo cercare di sradicare gli stereotipi. Anche per i papà ci dovrebbe essere la possibilità di stare di più con i propri figli, non può essere solo una prerogativa femminile altrimenti non si fa che aumentare il gender gap.

Essere una donna e allo stesso tempo essere una mamma significa avere una doppia responsabilità.

Ci vuole la volontà da parte di entrambi i sessi di venirsi incontro, ogni giorno.

Bisogna investire in formazione a livello di metodo e di organizzazione aziendale.

La chiave risiede anche nell’accorciare i tempi ed efficientare al massimo il lavoro.

Questo vale in generale per tutti, deve rappresentare un cambiamento culturale, la ricerca di un equilibrio tra la vita lavorativa e quella privata, il lavoro deve occupare una parte del nostro tempo, non la totalità della nostra vita.

Il momento più bello è il prossimo.

Quello che mi rende soddisfatta è la possibilità di aggiungere valore ad un progetto, sentirsi importante e presa in considerazione, valorizzata per le proprie competenze e per il proprio pensiero, queste piccole cose fondamentali sono quelle che mi gratificano davvero.

La testa è sempre ai prossimi obiettivi.

Qualche informazione in più su Raffaella …

Laureata in Economia Aziendale, Raffaella inizia la sua carriera professionale già durante gli studi. Il suo è stato un percorso in continua crescita.

Partendo da Responsabile Contabilità e Bilancio a riporto diretto del CFO in altri istituti bancari oggi riveste in Cherry Bank il ruolo di Chief Financial Officer a riporto diretto dell’Amministratore Delegato.

Un ruolo importante di responsabilità che gestisce con grande padronanza della materia. È un punto di riferimento per il suo team formato da 15 persone suddivise nelle aree Finanza, Contabilità e Bilancio.

#cambiamento

Ylenia Pescara

Il cambiamento?
Non mi spaventa.

Ho la fortuna di sapermi adattare facilmente alle nuove situazioni.

Scopri di più

#ict

Valeria Zanardo e Luigi Zennaro

Chi l’ha detto che
cHERry è solo donna?

Per noi è libertà di espressione, storie e punti di vista con un impatto concreto. Pari opportunità. Sempre. Da sempre.

Scopri di più

#relazione

Sara Fonte Basso

Servirebbe una
“rivoluzione culturale”.

Stiamo vivendo sicuramente un cambiamento, ma il percorso è ancora lungo.

Scopri di più

#equilibrio

Laura Gasparini

La parola chiave è
diversità.

Mentalità aperta e attitudine positiva verso la diversità. Su questo e tanti altri temi abbiamo parlato con Laura.

Scopri di più

#recruiting

Marianna Lorniali

Credo in un futuro senza differenze di gender.

Vogliamo essere precursori: poniamo attenzione ai divari e cerchiamo di premiare le competenze indipendentemente dal genere.

Scopri di più

#newgeneration

Francesca Tremante

Sono fiduciosa che il futuro riservi un cambio di tendenza.

Le nuove generazioni stanno vivendo sulla loro pelle i primi segnali positivi di un percorso sociale volto alle pari opportunità.

Scopri di più
Privati
Imprese
Distressed Credit